Categorie
E-commerce

Come sarà lo shopping con Google?

A luglio avevamo parlato di Google Shopping e di come il gigante di Montain View stava entrando ufficialmente nel mondo e-commerce.

Google, con il suo prodotto shopping, entra in competizione diretta non solo con i comparatori di prezzo, ma anche con gli e-commerce, come Amazon, in quanto fornisce la possibile di comprare direttamente dalla propria piattaforma.

Categorie
E-commerce

Multa per Amazon in Francia

In Francia Amazon ha ricevuto una multa di 4 milioni di euro dal Tribunal de Commerce di Parigi per avere utilizzato alcune clausole anticoncorrenziali imposte ai venditori terzi affiliati alla piattaforma.

Categorie
E-commerce

Google punta sulle immagini per vendere

Google ha cambiato la visualizzazione delle immagini in Google Immagini.

Nel principale motore di ricerca ora, quando si seleziona un’immagine, nei risultati organici, quindi non quelli sponsorizzati, si apre un pannello laterale che permette di continuare a scorrere la ricerca su altre immagini e fornisce ulteriori dati dell’immagine selezionata, come la descrizione proveniente dal sito web da cui è stata presa.

Categorie
E-commerce

Google sfida Amazon con Google Shopping

Ne avevamo già parlato a maggio in occasione del Google Marketing Live. Google ora lancia ufficialmente negli Stati Uniti una nuova versione della propria piattaforma dedicata all’E-Commerce, Google Shopping.

Categorie
E-commerce

Rivoluzione Google Shopping

Si è svolto il 14 e il 15 maggio presso il Moscone Center di San Francisco, il Google Marketing Live, l’evento annuale di Big G dedicato agli inserzionisti pubblicitari in cui Google presenta le novità in ambito Advertising e Analytics. Questa è un occasione per le aziende per vedere trend futuri sul digitale, per cercare di anticipare il mercato e i competitor.

Google quest’anno ha puntato molto sul Machine Learning, sullo shopping non solo online e sulle creatività con nuovi formati pubblicitari, aggiungendo anche un po’ di privacy, così di moda dopo il caso Facebook.