Mese: Maggio 2019

Rivoluzione Google Shopping

Si è svolto il 14 e il 15 maggio presso il Moscone Center di San Francisco, il Google Marketing Live, l’evento annuale di Big G dedicato agli inserzionisti pubblicitari in cui Google presenta le novità in ambito Advertising e Analytics. Questa è un occasione per le aziende per vedere trend futuri sul digitale, per cercare di anticipare il mercato e i competitor.

Google quest’anno ha puntato molto sul Machine Learning, sullo shopping non solo online e sulle creatività con nuovi formati pubblicitari, aggiungendo anche un po’ di privacy, così di moda dopo il caso Facebook.

Continue reading
Filed under: E-commerceTagged with: , , , , , , , , , , ,

Google vs. Huawei, USA vs. Cina

L’amministrazione Trump ha deciso di fare entrare nella black list la società cinese Huawei, perchè ritiene che con la propria tecnologia negli USA il colosso di Shenzen faccia spionaggio per conto del governo cinese e che quindi i suoi prodotti costituiscano una minaccia per la sicurezza nazionale americana. Google quindi ha deciso di sospendere la licenza Android sui tutti i dispositivi Huawei e Honor.

Continue reading
Filed under: TecnologiaTagged with: , , , , , ,

Digital audience italiana del mese di marzo 2019

La total digital audience nel mese di marzo ha raggiunto 42,3 milioni di utenti unici, pari al 70,8% della popolazione italiana dai 2 anni in su, cioè circa 3 italiani su 4 online. La fruizione di internet nel giorno medio vede coinvolti 33,3 milioni di individui, online principalmente da smartphone. Sono stati, infatti, 28,6 milioni gli utenti online che si sono collegati almeno una volta da smartphone, l’87% dei maggiorenni online, collegati in media per 3 ore e 24 minuti per persona.

Continue reading
Filed under: InternetTagged with: , , , , ,

Unicredit abbandona Facebook

Unicredit ha deciso che dal primo giugno chiuderà i propri canali su Facebook e Instagram.

Dopo avere acquisito più di mezzo milione di fan su Facebook e più di 5.000 follower su Instagram, l’istituto bancario il 3 maggio ha scritto questi post:

“Valorizzare i canali digitali proprietari per garantire un dialogo riservato e di alta qualità. In linea con questo impegno, UniCredit annuncia che a partire dal 1° giugno non sarà più su Facebook, Messenger e Instagram.”

e

“Investing in the enhancement of proprietary digital channels to ensure a reserved, high-quality dialogue: through this constant commitment UniCredit announces its complete withdrawal from Facebook, Messenger and Instagram starting from June 1.”

Per ora sul sito ufficiale Unicredit non ha spiegato come si muoverà successivamente. Quindi non si riesce a capire a pieno in che modo valorizzerà i canali digitali proprietari, come il sito internet, l’e-mail e soprattutto l’home banking per i propri clienti.

Già l’anno scorso il management, dopo lo scandalo Cambridge Analytica, aveva interrotto il dialogo con Facebook ritenendo il relativo comportamento poco etico e appropriato, azzerando gli investimenti pubblicitari nella piattaforma.

Oltre ai motivi etici, per il gruppo bancario il problema principale molto probabilmente riguarda la gestione dei dati dei propri clienti. Nella decisione infatti potrebbe avere influito il fatto che Facebook ha l’obiettivo di diventare una banca, volendo introdurre la possibilità di pagamento attraverso Messenger e WhatsApp, come avviene già in Cina con WeChat. Il terreno dei pagamenti veloci ha un potenziale enorme ed è interessante non solo per gli istituti di credito, ma anche per le piattaforme social, come appunto Facebook e WeChat, e E-commerce, come il colosso Amazon.

Non c’è ancora nessuna comunicazione per quanto riguarda Twitter e Linkedin.

Filed under: InternetTagged with: , , , ,